Domenica 11 Ottobre 2020

Criterium Ragazzi 2020

Stadio Paolo Rosi

Dopo oltre sei mesi di stop all’attività agonistica di squadra
la Kronos torna finalmente in pista e conquista il

terzo posto nella classifica di società

e vola sul podio più unita che mai!

Ce la faremo!

Che non sarebbe stata una stagione semplice lo avevamo capito da subito: tre mesi di lockdown, allenandoci intorno al divano del salotto o accanto alla scrivania della cameretta, con il tablet rubato a papà o il cellulare di mamma, costruendo ostacoli con i manici delle scope, attrezzi con utensili da cucina e abbattendo, come potevamo, quei muri che erano lì a dividerci.

E poi la pausa estiva, tra le incertezze del momento e la disaffezione all’agonismo che ormai appariva un ricordo sbiadito. Un’estate trascorsa a chiedersi se saremmo mai tornati alla normalità, se saremmo stati in grado di gestire altri mesi di straordinaria emergenza e nessuna risposta definitiva ai nostri interrogativi.

Come se non bastasse una ripresa più che faticosa, con tante difficoltà logistiche che hanno messo alla prova la pazienza, la tenacia e la volontà di ciascuno di noi. Non abbiamo mollato e ci siamo ripetuti l’un l’altra quel mantra che ha tenuto in piedi una Nazione: "Ce la faremo!"

Ce l'abbiamo fatta!

Siamo qui per dirvi che ce l’abbiamo fatta.
Ci siamo finalmente ritrovati nel nostro luogo naturale, insieme, uniti. Ci siamo ripresi quello spazio sottratto dalle contingenze e divenuto quasi estraneo ed inospitale.

Eccoci di nuovo finalmente in pista, quella vera, quella che ci fa sudare le mani solo alla vista, quella che chi non la calca con la nostra stessa passione non può capire quali emozioni sa trasmettere.

E abbiamo vinto.
Non solo le medaglie per le ottime prestazioni individuali, non solo la coppa per un meraviglioso risultato di squadra, ma una nuova normalità.

Una normalità straordinaria fatta di mascherine e sorrisi che le attraversano, di manifestazioni a porte chiuse e cuori aperti, di gel igienizzanti e sguardi che contagiano di passione.

I risultati

Inutile dire che la pioggia non poteva fermarci, così come non ci ha fermato una pandemia globale. Ci siamo incontrati fuori dall’impianto, muniti di autocertificazioni e di speranze. E non le abbiamo disattese.

Eroe della giornata è stato il nostro Kyan Duffy Escalona: dopo aver sfrecciato in pista nei 200hs, creando il vuoto dietro di sé, ha preso il volo e con quattro balzi è atterrato a 14,41 metri, in un quadruplo che sembrava non finire mai. Due ori al collo e tanta energia nelle gambe in vista della staffetta.

Sale due volte sul podio anche il suo compagno di squadra Pietro Villa che prima scaglia il vortex a 50,40 metri e poi atterra a 4,22 metri nel lungo. Doppio argento per lui e una chiusura di stagione meravigliosa. Arrivederci vortex e benvenute chiodate!

Avrà invece modo di replicarsi e fare ancora meglio la nostra Greta Amici che, al primo anno di categoria, migliora di oltre un metro il suo personale e balza al terzo posto nel quadruplo con un salto da 11 metri.

Di primati personali ne sa qualcosa Lorenzo Migliotti che, sfrecciando tra gli avversari, ha tagliato il traguardo in 8”70. Un’altra medaglia sul collo dei nostri atleti e punti preziosi per la società.

Come preziose sono state le prestazioni di Sofia Paesani, Elisa Zega e Cecilia Bernini. Ragazze con una grinta da vendere che, senza clamori, corrono e saltano con una generosità che ci fa emozionare.

Non si sono risparmiati nemmeno Francesco La Rosa, al suo esordio in gara, e Riccardo Togino che, dopo tre salti in lungo e un 600, ha contribuito ad una staffetta di bronzo insieme a Lorenzo, Pietro e Kyan. La squadra della 4x100 chiude terza in 56”00 e tanto margine di miglioramento.

Tutti i risultati (fidal.it) open_in_new

Grazie!

Agli atleti, alle atlete, alle loro famiglie e a tutto lo staff Kronos il nostro grazie.

Grazie per esserci stati e averci creduto. Grazie per aver resistito.
Grazie per aver dato il meglio nelle peggiori condizioni.

Come sempre, ora più che mai, forza Kronos!

Arianna Latini